Sections

giovedì 7 febbraio 2013

Latest readings - #1

Questa non è una vera e propria rubrica di recensioni, com'è vero che questo non è un blog serio. È una specie di raccolta senza scadenza fissa - ultimamente non leggo molto, ma c'è da dire che leggo bene - di riflessioni confusionarie sugli ultimi libri che ho letto.
In ogni caso eccovi la puntata n.1!




Letti ultimamente

Così parlò Zarathustra - Friedrich Nietzsche

Nietzsche, che dice: akjbsdkjbwicfk. Dice un sacco di cose, in realtà.
Mia madre ieri è tornata a casa e, vedendomi leggere un libro che nessuno reputa adatto alla mia età - "Ma sei sicura di capirlo?", "Nice, che dice: boooh" - ha attaccato a cantare la canzone di Zucchero che vi ho linkato.
BASTA, per carità. Mi sento incompresa, considerando che il libro lo sto capendo alla perfezione. È più difficile scrivere il nome dell'autore che comprendere gli insegnamenti che dà.
Devo dire che sono anche d'accordo con ciò che ha scritto, e i punti dove mi trovo a non concordare completamente sono pochi. Ad esempio Della guerra e dei guerrieri, o Di chi disprezza il corpo.
In più penso di avere una concezione di fondo delle cose un po' diversa dalla sua, che finisce per influire sul mio modo di pensare ai suoi scritti. Non so ancora esprimerla a parole, ma sono certa che presto ci riuscirò.
Se non l'avete ancora letto leggetelo, è bellissimo. --Messaggio subliminale per @nto: leggilo e poi tiralo in testa al tuo professore di filosofia c:--

Sulla strada - Jack Kerouac

AMO KEROUAC. Veramente. Mi ha dato l'ispirazione per un racconto su un viaggio - o forse più d'uno, chi lo sa? - e per l'anno sabbatico che mi prenderò dopo il liceo.
Il libro l'ha scritto con passione, gettando sul foglio espressioni colorite, descrivendo più i luoghi che i protagonisti, perché i luoghi SONO i protagonisti, e rendendo poetica persino la parola "pene". Kerouac è mmmagggico. Mi ha fatto persino piacere l'America, quella terra tanto zozza e patriottica e violenta e pubblicitaria.

1Q84 (libri 1 e 2) - Haruki Murakami

È il primo libro di quest'autore che leggo, e non penso che ne leggerò altri. Senza dubbio scrive benissimo, lascia che i personaggi e la storia saltino fuori poco alla volta dalle righe, ma è ciò che cerco. Non trasmette un vero e proprio significato/senso/filosofia/insegnamento/nonsò, quindi non mi ha esaltato. In più Murakami tende a fare una cosa che io odio profondamente quando la ritrovo negli scrittori di professione: sfoggia la sua cultura nonostante nel libro non ce ne sia il minimo bisogno. A parer mio è un comportamento abbastanza infantile. Mi sa tanto di Scaruffi. O qualcosa del genere. Più che altro non ha senso. Ad esempio, riempie pagine e pagine sulla musica che ascoltavano il protagonista e la sua amante. Potrebbe essere un'ulteriore caratterizzazione dei personaggi, oppure uno dei succitati sfoggi della propria cultura.
PERDIPIUH, il titolo si rifà a 1984 di George Orwell, il mio libro preferito del mio autore preferito nonché amante segreto. Murakami, tesoro mio, capisco la tua passione per quel romanzo, ma non ti sembra che chiamare così il tuo libro - e citare l'opera di Orwell un po' troppe volte per i miei gusti - sia una cosa un po' triste?
Insomma, prenderò il terzo libro giusto perché sono curiosa, ma null'altro. Addio Murakami, stammi bene.




Prossime letture

Trainspotting - Irvine Welsh
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino - tratto dalla storia di Christiane F.
Manifesto del partito comunista - Karl Marx
Arancia meccanica - Anthony Burgess

5 commenti:

Misantrophia ha detto...

Arancia Meccanica ce l'ho anch'io!
FANTASTICO.
Tanto quanto il film.

Ilia Dianthe ha detto...

*^* Alla fine ti sta piacendo Zaratustra? Bene , ho deciso , domani , già che esco , lo compro anch'io :>

Fuuuuuuuuuu pesante essere sottovalutati , ma fidati è meglio di essere sopravvalutati : perché hai sempre l'occasione di stupire in positivo se la gente non si aspetta nulla da te :)

Jaqueline Emerson ha detto...

:) carina questa nuova rubrica!
Zarathustra mi ha incuriosito, lo leggerò sicuramente.
Sulla strada e 1Q84 avevo già intenzione di leggerli!

(ahaahah xD mi sono accorta della freccetta del mouse solo adesso!!!)

Jordan ha detto...

È diventata un simbolo del mio blog ormai quella freccina xD Riscuote molto successo ù_ù

Jaqueline Emerson ha detto...

:D è splendidaaa!!!