Sections

mercoledì 28 novembre 2012

Rivolta studentesca individuale

Questo è il tema/approfondimento che il mio professore di religione mi ha assegnato come compito per domani.
L'ho scritto proprio in questo post, quindi siete i primi autorizzati a leggere. Siatene fieri :')


Musica, cattolicesimo, occultismo, vita.
Negli ultimi anni i media hanno dato spesso notizia dei rapporti tra satanismo, esoterismo e musica moderna. Si é parlato di personaggi famosi e controversi che si pensa spingano, con le loro canzoni, alla violenza, al suicidio, alla droga, all’adorazione del diavolo.
Ci sono fondamentalmente tre opinioni principali sull'argomento:
La prima è quella degli studiosi del fenomeno. C'è da dire che la maggior parte di queste persone fanno parte del clero, di associazioni cristiane o parrocchiali, che tendono ad esasperare il fenomeno e ad associarlo a movimenti come il Nuovo Ordine Mondiale (di cui in ogni caso si dubita l'esistenza) che vorrebbero controllare le menti dei giovani.
La seconda è quella dei ragazzi che seguono i loro musicisti preferiti come se fossero dei veri e propri profeti, storpiando o male interpretando le loro parole. Un po' come è successo con Gesù.
La terza è quella di persone che credono che ci siano ragioni prettamente commerciali dietro ai messaggi controversi e non di molti artisti.
Ci sarebbero alcune prove con le quali gli appartenenti alla prima categoria giustificherebbero le loro idee.
Ad esempio, un primo riferimento al satanismo sarebbe la comparsa di Aleister Crowley (occultista, artista e romanziere britannico, 1875-1947) sulla copertina dell'album dei Beatles Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band. Ringo Starr, il batterista della band, avrebbe detto a riguardo: “Abbiamo pensato di raggruppare i volti delle persone che amiamo ed ammiriamo”.
Il motto di Crowley era do what thou wilt, “fai ciò che vuoi”. Secondo alcuni era un invito all'edonismo, a godersi la vita senza limiti o regole morali, nella continua ricerca della soddisfazione personale e del piacere egoistico. Ma John Lennon a riguardo disse che i Beatles l'avevano interpretato più come un "fai ciò che vuoi senza danneggiare il tuo prossimo".
C'è inoltre da dire che la legge intera di Crowley, dichiarata da lui stesso nel suo soggiorno in Italia dei primi anni '20, era "Fai ciò che vuoi sarà tutta la legge, Amore è la legge, amore sotto la volontà, perché le persone libere e colte sentono per natura un istinto ed inclinazione che li spinge ad atti virtuosi, e che li tiene lontani dal vizio, inteso come religione".
Inoltre Crowley è stato (ed è tuttora) erroneamente ritenuto un satanista a causa del comportamento fuori dagli schemi che mantenne durante il corso della sua vita. Di certo i numerosi siti gestiti da cattolici, in cui ci si riferisce ad Aleister Crowley come "il padre del satanismo moderno", non migliorano l'opinione che il pubblico ha di lui.
Altro esempio molto in voga tra i sostenitori della causa sono sicuramente i Led Zeppelin.
Il chitarrista e compositore Jimmy Page era indubbiamente interessato e coinvolto nelle dottrine di Crowley. Il suo interesse nei confronti dell’occultista inglese era tale da spingerlo a collezionare tutti i suoi oggetti personali: libri, manoscritti, cappelli, canne da passeggio, quadri e le tuniche utilizzate durante i rituali. Page visse anche in un antico cottage nei pressi del Loch Ness appartenuto a Crowley, la Boleskine House.
Sulla copertina del terzo album dei Led Zeppelin, vicino all’etichetta del disco, Robert Plant, il cantante, fece incidere il motto di Aleister Crowley do what thou wilt.
Inoltre si ritiene erroneamente che i simboli adottati da ciascuno dei membri dei Led Zeppelin, in realtà rune trovate su libri di magia celtica - a cui la band era molto interessata -, siano simboli satanici usati per l'invocazione del diavolo.
Famoso è il presunto backmasking della canzone Stairway to Heaven, il cui significato è ancora sconosciuto: malgrado ciò che ne dicono tutt'oggi gli studiosi, cioè che sia un messaggio satanico appositamente registrato per persuadere gli ascoltatori, non è raro che i musicisti famosi si prendano la libertà di prendere in giro giornalisti, pubblico e credenti - sia satanisti che cristiani.
Negli anni successivi al fenomeno dei Led Zeppelin, che purtroppo si concluse nel 1980 con la morte del batterista John Bonham (che avvenne nella Boleskine House, dando vita alle speculazioni su maledizioni o sacrifici avvenuti e legati a quella casa), e sicuramente anche grazie alla loro influenza musicale, nacque la musica heavy metal.
I rappresentanti di questo genere introdussero nelle loro liriche, nei loro spettacoli e nelle copertine dei loro album dei versi esplicitamente legati al culto di Satana, e assunsero dei comportamenti oltraggiosi nei confronti della figura di Gesù e della religione cristiana.
Anche gli stessi nomi delle band, a volte, avevano e hanno contenuto blasfemo. Ci sono, ad esempio, i finlandesi Impaled Nazarene, che significa “il Nazareno Impalato”. Ma anche i polacchi Christ Agony (Agonia di Cristo), i torinesi Burn The Crucifix (Brucia il crocifisso) e i newyorkesi Fallen Christ (Cristo decaduto).
Molto frequenti nel mondo della musica metal sono gli argomenti del suicidio e dell’eutanasia.
All’eutanasia é dedicato ad esempio il disco “Youthanasia” dei Megadeth, ispirato alla vicenda del “Dottor Morte” Jack Kevorkian, medico noto per aver aiutato alcuni pazienti a farla finita. Secondo i Megadeth, l’eutanasia non sarebbe altro che una metafora della vita. “Se si può scegliere come vivere, perché non si può scegliere come morire?”, hanno dichiarato in un’intervista.
Intorno alle figure dei musicisti metal si è creato un immenso businness. Secondo i più ragionevoli, lo scopo dei comportamenti estremi delle band metal è di vendere il più possibile ai giovani ascoltatori e al contempo di farsi pubblicità anche attraverso le stesse persone e associazioni che dovrebbero mettere in guardia i ragazzi dal "pericolo", mentre non fanno altro che ingigantire il mito.
Sembrerebbe che ci sia anche chi fa sul serio, "operando a stretto contatto con le sette". Negli Stati Uniti, ad esempio, numerosi artisti rock collaborano con la Chiesa di Satana. Fra questi ci sono King Diamond e gli Acheron, che ritengono, non con tutti i torti, il satanismo un religione sì alternativa, ma non pericolosa.
Potrebbero essere vere collaborazioni o ulteriori pubblicità, ma se fosse vero il primo caso, rimane da dire che finché gli aderenti a questi gruppi non si trasformano in assassini e stupratori, il satanismo, ma anche le altre religioni o credenze occultiste, magiche, ufologiche ecc. rimangono delle religioni come le altre. D'altronde, per quanto gli aderenti alle religioni tradizionali ne dicano, ogni credenza ha le sue ombre, le sue contraddizioni, i suoi estremisti. Ogni credenza è un filtro per la verità, e sta a noi decidere se porlo davanti ai nostri occhi o a scoprire il mondo da soli, ammirando la bellezza delle cose e utilizzando la nostra mente, la più grande invenzione della natura. Però non tutte le credenze impongono regole che impediscono la felicità alle persone, e tra queste ci sono molte delle religioni alternative tanto odiate.

Possiamo essere liberi, credere di esserlo o farci volontariamente imporre regole. Possiamo fare ciò che noi stessi riteniamo bello e giusto, proibire agli altri di farlo per nostre convinzioni oppure seguire contro la propria volontà leggi dettate da altri. Possiamo considerare milioni di idee e non sceglierne nessuna, farci una nostra opinione, oppure essere obbligati ad adottarne una che non ci appartiene.
Tutto è nelle nostre mani, siamo dotati di libero arbitrio: possiamo persino scegliere di credere nel destino, o in un dio che guida le nostre azioni, deresponsabilizzandoci, ma l'abbiamo comunque scelto noi.
Infine, siamo liberi di credere in qualsiasi cosa, privandoci o no della vista, ma siamo nel torto solo quando impediamo agli altri di vivere.


*clap clap clap, Jordan s'applaude da sola*
Che ve ne pare? Io lo amo. Ci ho messo ore, però è fantastico. Mi rende orgogliosa il fatto che domani il mio professore si troverà a leggerlo.
Mi metterà due o qualcosa del genere, ma ne sarà valsa la pena.
Non odiatemi, se credete in qualcosa. D'altronde, non volevo scriverlo, ma ci sono religioni di cui condivido gli ideali. La Wicca, ad esempio. Oppure il buddismo.
Infatti non sono nemmeno considerabili religioni, tanto sono fighe.
Diciamo però che non riesco a identificarmi in nulla. Sono più agnostica, ecco, perché sono panteista ma realisticamente nichilista (occristo, il mio cervello duole).
Insomma, enjoy. Siete esplicitamente invitati a commentare, a criticare, insomma ad opporvi :3
(PS: si, sono d'accordissimo con il do what thou wilt.)


If there's a bustle in your hedgerow, don't be alarmed now
It's just the spring clean for the may queen
Yes, there are two paths you can go by, but in the long run
There's still time to change the road you're on
Led Zeppelin IV

7 commenti:

Faber ha detto...

Perché opporsi ad un ragionamento talmente geniale?
Mi levo il cappello di fronte a questa escalation di fatti da sempre estremizzati da tutti che si rivelano cose tutto sommato normali.
Complimentoni :)

Jordan ha detto...

Oh :3 Grazie!
Ehi, non ti sei più fatto sentire per scrivere quel libro! xD

Faber ha detto...

Ti ho dato il mio indirizzo mail, bakina!
Te lo ridico: joda96@live.it

@µ†ø ∞ ha detto...

Condivido in pieno tutto quello che hai scritto! Ed è davvero un tema meraviglioso, sul serio, è bellissimo, ci credo che ne sei fiera. Facci sapere come ti è andata ;)

Jordan ha detto...

Scusa! xD Non avevo visto!
Ti sto scrivendo ora!

Jordan ha detto...

Grazie mille *w* Ci ho messo ore, lacrime e sangue!
Va bene, scriverò un post a tema xD

Ilia Dianthe ha detto...

*clap clap* Davvero un tema fantastico e te lo dice una "cristiana" -w-
Un tema degno di un esame di stato!