Sections

sabato 23 giugno 2012

Aracnofobia

Allora. Era da tempo che volevo scrivere questo post ma non trovavo mai l'occasione di sfruttare il mio panico per farlo.
In questo preciso istante c'è un ragno, o forse sono due, sul soffitto della mia stanza, e non ho la minima idea di come io possa essere tanto lucida da aver acceso il computer e aver iniziato a scrivere.
Ok. Forse è il fatto di avere Gimmy (uno dei due gatti di casa) al mio fianco, forse è il fatto che il maledetto fottuto coinquilino non si muove, o forse è perchè so che tra poco sarà ucciso/sfrattato da mio padre.
Ok. Io soffro di una forma di aracnofobia, paura dei ragni, un po' particolare. Se ne vedo uno in casa mia, o nell'ambiente chiuso dove devo stare, vado nel panico, non ragiono più, spalanco gli occhi e cerco di andarmene velocemente. Se non posso andarmene o altro inizio a tremare e a piangere istericamente.
Se invece il ragno è in uno spazio aperto (che so, su un albero, su un muro di una casa, su una ringhiera) rimango più che lucida e me ne vado tranquillamente... sarà che sono molto vivi e lascia vivere.
Però se un ragno è in uno spazio chiuso, e non uno qualsiasi ma camera mia, allora lui non vive e lascia vivere perchè la sua sola presenza mi uccide.
E se lui non lo fa non lo faccio nemmeno io.
Se poi si aggiunge il fatto che tra poco me ne devo andare e non voglio lasciare la casa in balia di quell'essere schifoso dalle otto zampe, Marten l'animalista si trasforma in una pazza sterminatrice.
La voglia che ho di prendere una ciabatta, salire su una sedia e spiaccicare quel coso urlando "MUORI BASTARDOOOOO" è tremenda.
Però poi magari rimane una macchia di sangue/liquidi da aracnide e non ho voglia di sentirle dietro da mia mamma. E poi metti che non muore ma cade sul letto. E io non lo trovo più. Un incubo. Preferisco stare qui a piagnucolare in attesa della sua imminente (e sicura, perchè mio padre i ragni li spiaccica con le dita - ma come fa!?) fine che rischiare di non poter più entrare in camera mia dalla paura.
Bah, che palle, e pensare che di ragni in questo condominio ce ne sono davvero pochissimi.
Che si fottano i ragni.
NOOOO E' ANDATO VIA GIMMY e ora come faccio? Che dite? Lo spiaccico? Aaaaaah vai via da me!
Non aprirò mai più la finestra di camera mia, visto che da lì già erano entrate due cimici, due api e una vespa... Il ragno dovevo aspettarmelo!
Aiutooooo!

5 commenti:

Elisa ha detto...

poverina!! Però devo ammettere che la parte finale mi ha fatto ridacchiare! XD

Franci ha detto...

anch'io appena vedo un ragno in camera mia comincio ad urlare...questa settimana ne sono comparsi 2. uno ho provato a darli una ciabattata,ma il risultato è stato che appena ho alzato la ciabatta il ragno se n'è scappato e l'altro l'ha preso mamma menomale,perchè era sul soffitto e si avvicinava al mio letto...ma io di prendere la scopa e buttarlo giù nn ne avevo proprio l'intenzione...e se mi cadeva addosso? bleah.
cmq anche qui da me nn si vedono ragni molto spesso,ma d'estate sì.

@µ†ø ∞ ha detto...

Io ho un'amica così, ma lei è peggio: appena vede un ragno, di qualsiasi forma e dimensione e ovunque, urla come una matta e diventa isterica, una vera aracnofoba!

And ha detto...

Anche a me fanno impressione i ragni. Non che mi metta a urlare e ad arrampicarmi sulla libreria come nei film, però se so di averne uno vicino sono in ansia e mi dà noia.
Io di solito li ammazzo con una ciabatta, ma mi dà noia raccattarli (usando lo scottex) perché ho paura che non siano morti veramente. Magari hanno tutte le budella di fuori, ma ho la paura che mi mangino un dito (non l'avrebbero chiamata fobia altrimenti). Quindi di solito, dopo averli ammazzati, chiamo mamma.

Alic ha detto...

Ah ah! Bhè, allora non credo che ti convenga vedere la pubblicità delle mentos! :P