Sections

lunedì 21 novembre 2011

La nuova me

Si può chiudersi in bagno in tre a piangere alla propria festa di compleanno...?
Certo che sì.

E' così che è andata.
Sono scoppiata a piangere mentre le altre ridevano e la Vavvi mi tirava addosso chissà che cosa.
Lorena mi ha accompagnata in bagno e poco dopo anche Vale* è venuta. Praticamente abbiamo allagato il bagno, mentre fuori le altre ridevano.
Poco importa, almeno ho capito chi sono le mie migliori amiche.
E ho capito chi sono io.

Il mio obbiettivo è fare ciò che mi fa sentire realizzata, in altre parole perseguire i miei sogni. Essendo libera, cioè essendo solo me stessa senza lasciarmi condizionare o schiavizzare dagli altri ed eliminando il superfluo, che talvoltà è ciò che ci fa stare male.
E, cosa che fino ad oggi non avevo capito, tentando di dare il buon esempio a chi queste cose non le capisce.
Non cerco di rendere tutti come me, perchè ognuno ha modi diversi di essere libero ecc. (ad esempio io tendo al ribelle alternativo e tutte quelle balle lì, e tendo ad essere creativa e originale, mentre c'è chi è più razionale e concreto ma segue i miei stessi ideali), ma cerco di essere migliore. Migliore di chi fa la guerra, migliore di chi odia, migliore di chi reputa gli altri "sfigati" prima di conoscerli, migliore di come sono stata fino ad oggi.
E questo può comportare di essere ancora più diversa, e talvolta ancora meno apprezzata, ma poco importa. Inoltre io seguo la teoria dell'Occhio Per Occhio Dente Per Dente, nel senso che se uno viene lì a insultarmi o farmi del male deliberatamente, io ricambio. Non lo prendo a parolacce o uso violenza (o meglio... dipende. Se è una persona abbastanza intelligente per capire il concetto SEI-UN-CRETINO-SE-VIENI-QUI-E-MI-INSULTI-A-GRATIS si può anche ragionare. Ma con le persone come i kamikaze - adesso sto esagerando ma il punto è quello - o i terroristi o mafiosi ecc., che non sanno cos'è il RISPETTO per l'umanità e per il mondo, le bombe vanno anche bene), ma certamente non mi lascio pestare i piedi così. E' questo che intendo con il non farsi schiavizzare. Ad esempio, con la Migliorati o la Livelli (le Amebe, cercate tra le etichette del blog), quando ci o litigato, potevo semplicemente lasciarle perdere. Non perchè hanno fatto bene (MA COSA???) o sono giustificate (MA FIGURATI!!!), no. Ma perchè sono... sono... NON CAPISCONO. E quindi avrei potuto divertirmi a guardarle fare le fighette e credersi migliori di me.

Da oggi in poi sarò migliore.
Sii migliore di loro. Sii migliore di loro. Sii migliore di loro. Ma non odiarli.

4 commenti:

Vale☆ ha detto...

non so se noti ma alle tue feste piange sempre qualcuno =)

Marten ha detto...

Davvero? Alle altre chi aveva pianto?

Vale☆ ha detto...

tu penso...

Marten ha detto...

Avrei dovuto immaginarlo...