Sections

domenica 17 aprile 2011

Non hai studiato? Ci sono sempre i tuoi colleghi: verifica in comunità!

(I colleghi sono i “compagni di classe”)

Venerdì abbiamo fatto, oltre alla verifica di matematica, quella di inglese. Della serie “non ho studiato niente ma me ne frego”. Nella nostra classe i banchi sono tutti separati l’uno dall’altro (hanno deciso così le profe perché a quanto pare chiacchieriamo troppo. E ti credo! Moriamo di noia!). Può sembrare una fregatura, ma è meglio così perché ti puoi girare da tutte le parti, ciacolare e farti suggerire a 360°. Il mio, poi, è il posto più funzionale perché sono nella fila centrale, di fronte alla cattedra, ma sono la penultima della fila quindi sono coperta dalle teste di quelli davanti. In sostanza: mi faccio sempre i cazzi miei e non mi sgamano manco a morire. Al massimo mi sgamano se la mia BFF mi lancia i bigliettini giganti (tipo un foglio di quaderno piegato in 4, per capirci) urlando: “ANTISGAMOOOOO”!!!

Cosa stavo dicendo…? Ah, sì, la verifica di inglese. Bisognava tradurre un verbo all’infinito in italiano in inglese al passato. Tipo “cantare” = “sang” (c’era, nella verifica!!!). Che pazzesca rete di informazioni! Ad esempio, ho chiesto alla mia BFF: <Ale, dimmi rubare>. E lei: <Stole>; poi l’ho detto al mio vicino: <Non era rubare che mi avevi chiesto?> <Sì!> <E’ stole> <Ah grazie>; poi lui l’ha detto al vicino, poi il vicino alla vicina e così via. L’importante è che qualcuno abbia studiato o che almeno abbia le soluzioni scritte sul braccio (da noi sono comuni anche i diari - con i Post-it attaccati - aperti nella cartella oppure i libri sotto il banco, ma per quello devi essere proprio bravo XD). L’unico effetto collaterale è che se uno ti suggerisce sbagliato e tu passi l’informazione siete tutti fregati! Credo che mi sia successo, venerdì. Ops.

Nessun commento: